Prima ti fanno ammalare…


Oggi la cassazione dovrebbe decidere relativamente al gioco di prestigio del governo sul nucleare.  Se deciderà di far celebrare lo stesso il referendum abrogativo di norme già abrogate, sarà una vera e propria decisione politica. Il che non ha senso.

Il 26 maggio Napolitano ha promulgato il decreto Omnibus, quello appunto del gioco di prestigio. Eventualmente doveva essere lui a prendere una decisione politica, rimandandolo alle camere e chiedendo di stralciare la parte relativa alle norme abrogate allo scopo dichiarato di impedire alla volontà popolare di esprimersi.

Non lo ha fatto e oggi è inutile attendere che la Corte di Cassazione tolga le castagne dal fuoco. In termini logici ne sarei molto sorpreso. Spero di sbagliarmi.

[edit: mi sono sbagliato, la cassazione ha confermato la legittimità del referendum]

Nel frattempo la Germania ha comunicato che entro circa dieci anni dismetterà tutte le sue centrali nucleari. Non è molto ma è qualcosa. La Germania però sta investendo molto nel campo delle energie alternative.  Lo fa anche relativamente ai finanziamenti alla ricerca.

La situazione italiana relativamente alla scuola e alla ricerca viene studiata all’estero, siamo pieni di casi emblematici ottimi per sapere cosa non deve essere fatto per fare bene.

Di Fukushima ormai anche la Tepco ammette che il disastro sia peggiore di quello di Chernobyl. In ogni caso, Fukushima è ancora in evoluzione e la situazione ben lontana dall’essere stabilizzata.

Che impatto a lungo termine ebbe Chernobyl? La questione è controversa.  Associazioni mediche Ucraine accusano l’OMS (organizzazione mondiale della sanità) e l’AIEA (agenzia internazionale energia nucleare) di aver sottovalutato e di continuare a farlo l’impatto.

In queste pagine 1 e 2 si riportano i dati di varie fonti.

Riassumendole : la stima minima dei decessi umani parla di 9000 vittime nelle zone colpite da radiazioni oltre quella che è la media statistica di morte per tumore, oltre alle vittime in modo evidente direttamente ascrivibili all’incidente (alcune decine).

Secondo le stime di Greenpeace invece sarebbero almeno duecentomila le persone morte fra il 1990 e il 2004 in seguito all’incidente, e solo prendendo in esame la popolazione delle tre repubbliche. Del resto non è stata soltanto l’Aiea a essere cauta con le stime né il disinteresse riguarda la sorte dei liquidatori, anche se è proprio attraverso lo studio di questa categoria che si può avere un quadro abbastanza preciso degli effetti delle radiazioni a lungo termine. (l’articolo continua qui)

Leggendolo, mi sembra che questo commento che chiudeva le pagine citate precedentemente:

Eugenia Stepanova, una ricercatrice del centro scientifico del governo ucraino afferma: «Siamo pieni di casi di cancro alla tiroide, leucemie e mutazioni genetiche non registrati nei dati dell’OMS e che erano praticamente sconosciuti 20 anni fa».

«Studi mostrano che 34.499 persone che presero parte alla ripulitura di Chernobyl sono morte di cancro dopo la catastrofe», afferma Nikolai Omelyanetes, vice capo della commissione nazionale per la protezione dalle radiazioni ucraina, inoltre secondo Omelyanetes il tasso di mortalità infantile è aumentato fra il 20 e il 30%.

Omelyanetes afferma inoltre che «Tutte queste informazioni sono state ignorate dall’Aiea e dall’Oms: gliele abbiamo mandate a marzo dello scorso anno (2005 ndr) e poi nuovamente a giugno. Non hanno detto perché non le hanno accettate».

sia molto più credibile.

Non so se queste mamme di Fukushima hanno letto questi dati. Credo di si, perchè quando pensi alla salute di tuo figlio leggi e ti informi e non ti prendi per buono quello che ti propinano.

Non ci stai a far diventare i tuoi bambini numeri di una statistica di decessi.

Tuttavia, la battaglia contro il nucleare ai potenti interessa poco. Ci ridono sopra, nei loro salotti.  E non hanno tutti i torti. Infatti, mentre ci siamo rifiutati, anni fa, di avere centrali nucleari nel nostro territorio e vorremmo continuare a rifiutarle, se ci permettessero di esprimerci… l’Italia è piena, qua e là, di centrali nucleari vaganti.

In genere ce ne sono almeno quattro o cinque, fra sottomarini USA e inglesi, portaerei francesi. Non solo portano a spasso reattori nucleari di vecchia generazione, tipo Chernobyl, per intenderci) ma trasportano anche armi nucleari.

Qualche appunto sul rischio nucleare italiano da mezzi nucleari militari di transito?  Leggete questo appunto e la questione nucleare si/no diventa improvvisamente un po’ ridicola.

Perlomeno però, questi sono gestiti da militari, il che vuol dire che dovrebbero essere un po’ più seri nella gestione, (e anche che non ne sapremmo nulla in caso di incidente di non rilevante entità), sicuramente meglio dei cialtroni criminali che gestirebbero le cose in questo paese.

Vedere ad esempio: che fine hanno fatto le scorie radioattive della Maddalena?

Certo che se intorno a noi vediamo sempre più persone ammalarsi di tumori, ci sarà un motivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...