Appunti VII


Prima l’attacco al campo Rom di Torino, nella suggestione di uno stupro che poi si sarebbe rivelato inventato. Oggi il duplice omicidio (+ suicidio) di Firenze.

Due episodi che hanno un filo comune: l’intolleranza verso il diverso.

La storia ci insegna che questi episodi si moltiplicano in periodi di crisi economica. Nelle fasce sociali più deboli e suggestionabili la frustrazione per una vita che sembra offrire sempre meno spazi sfoga verso ambiti culturali contigui, a torto identificati come nemici.

Si tratta, in fondo, sempre di beni materiali. Gli altri, sono quelli che vengono a portare via lavoro, case, assistenza, servizi sociali.

Nel pronto soccorso pieno di gente, con i medici e gli infermieri che non bastano, nelle lunghissime attese non si sopporta che l’extracomunitario, l’africano, il cinese … passino avanti agli italiani. Negli asili nido non si sopporta che nelle graduatorie ci siano prima figli di stranieri. Nelle scuole non si accetta che le classi ritardino i programmi per via di ragazzi che parlano male l’italiano.

In questo contesto di guerra fra poveri, quanto più si è in basso nella scala sociale tanto più si sgomita chi ci è vicino, sempre più identificabile come un pericoloso rivale nella lotta per la sopravvivenza.

E’ sempre stato così.

Invece di mordere i pastori e i loro cani, le pecore si ammazzano fra loro.

 

Annunci

6 thoughts on “Appunti VII

  1. La storia ci insegna che il popolo italiano è sempre stato un popolo di pecore, secondo me a prescindere dalle crisi economiche;

    le crisi tendono a far apparire ancora più evidenti le “nostre” carenze culturali, che sono ataviche.

    • se guardi le cose da lontano ne capisci il senso generale, se scendi nel particolare capisci il particolare.
      in questo periodo in cui si discute tanto di pensioni, ad esempio, come vuoi che la prenderebbe la maggior parte della gente sapendo che è riconosciuto il diritto, ad un extracomunitario che risiede in italia da almeno dieci anni, dell’assegno sociale (pensione minima), per lui e per i familiari ricongiunti?
      Cioè, mi spiego: se sei extracomunitario e sei in italia da almeno dieci anni, ti fai raggiungere dai genitori anziani, e questi prendono subito la pensione sociale
      http://www.fiscoetasse.com/upload/Circolare_Inps_n.105_del_02-12-2008.pdf

      tanto per dire eh… io non sto contestando la giustezza o meno di questa normativa. sto solo dicendo che su cose come questa nelle guerre fra poveri si fomenta l’odio razziale.

  2. ah beh, le premesse contestuali ci sono quasi.

    In Italia ci sono:

    – quelli che osservano e tentano di capire, e quelli “addormentati”.

    – quelli che lentamente scendono, e quelli che che invece s’arricchiscono e/o congelano i propri privilegi.

    – gli italiani impoveriti e i non italiani.

    – i tabù che nessuno vuole sciogliere e la paura.

    ci siamo avviluppati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...