La cura Troika


Oggi è trapelata una bozza del MOU (Memorandum of Understanding) Cipriota preparato dal capo della missione FMI per l’isola, Delia Velculescu , che si può trovare qui, completo, in tutte le sue 24 pagine. Tuttavia, a beneficio dei nostri lettori Ciprioti, (e di quelli italiani, perché si rendano conto – se la lettera della BCE all’Italia gli fosse sfuggita –  di come agisce questa gente e che il percorso è sempre lo stesso e in discesa, ndt) pubblichiamo qui alcune parti della lista dello tsunami di austerità in arrivo a Cipro, che vanno dal sistema sanitario, alle modifiche alla “riforma delle pensioni” e ad altre proposte che la BCE e l’FMI stanno imponendo a Cipro come contropartita della loro generosità nel voler mantenere il paese nell’euroZona come un servo obbediente.

da http://vocidallestero.blogspot.it/2013/04/trapelato-il-memorandum-della-troika.html#more

Ecco le principali linee guida.
Sulle pensioni: 
• Congelare le pensioni del settore pubblico;
• Aumentare di due anni l’età pensionabile;
• Ridurre il trattamento preferenziale nei piani di previdenza sociale di particolari categorie di impiegati pubblici, come i membri dell’esercito e della polizia;
• A partire dal gennaio 2013 ridurre le pensioni del regime generale di previdenza sociale dello 0,5% al mese per i pensionamenti anticipati, in linea con il previsto aumento dell’età minima per il diritto alla pensione che dovrà essere portata a 65 anni tra il 2013 e il 2016 (con un aumento di 6 mesi all’anno);
 
Sulle entrate fiscali:
• Aumentare l’aliquota IVA standard dal 17% al 18%;
• Aumentare le tariffe dei servizi pubblici di almeno il 17% del valore corrente;
• Introdurre un contributo permanente del 3% sui redditi da pensione pagati dal Fondo per le Vedove e gli Orfani dei funzionari statali attualmente esenti;
• Assicurarsi ulteriori entrate dalla tassazione sulla proprietà immobiliare di almeno 70 milioni;
• Aumentare l’aliquota dell’imposta sul reddito delle società al 12,5%; aumentare l’aliquota di imposta sugli interessi e i dividendi al 30%;
• Aumentare il prelievo sui depositi bancari da parte delle banche e istituti di credito a Cipro dallo 0,11% allo 0,15% con un 25/60 delle entrate da destinaree a un fondo speciale per la stabilizzazione finanziaria;
Sulla spesa sociale:
Garantire una riduzione delle spese totali per i trasferimenti sociali di almeno 113 milioni di euro attraverso:
  • (a) l’abolizione di una serie di regimi ridondanti e sovrapposti (!) come l’assegno di maternità, gli assegni familiari e altre indennità per l’istruzionee (b) l’abolizione dell’assistenza finanziaria pubblica alla previdenza integrativa, l’abolizione delle gratifiche e indennità speciali per i fondi pensione.
  • Sottoporre a studio aggiornato la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale;
  • Abolire tutte le esenzioni per l’accesso ai servizi sanitari basate sul reddito, con l’eccezione delle persone che soffrono di disturbi cronici gravi;
  • Prevedere delle soglie di reddito per i servizi pubblici gratuiti in linea con i criteri di accesso all’assitenza sociale, assicurando tuttavia che la contribuzione al costo del servizio sanitario sia regolato in modo da tutelare gli individui e le famiglie da spese effettivamente disastrose;
  • Aumentare le tariffe per i servizi medici del 30%  creando una formula di contribuzione che preveda tariffe di accesso ai servizi basse o anche gratuite per i servizi medici di base e contribuzioni più alte per le prestazioni specialistiche per tutti i pazienti, senza considerazione dell’età;
Imprese pubbliche e privatizzaioni:
 Le autorità dovranno approntare un piano di privatizzazioni per migliorare l’efficienza, incoraggiare l’afflusso dei capitali stranieri e ripristinare la sostenibilità del debito (compresa la privatizzazione dei monopoli naturali, telefonia, elettricità, porti e proprietà immobiliari)
Mercato del Lavoro:
Obiettivi chiave per limitare l’impatto della crisi sull’occupazione:
– riformare il sistema di indicizzazione dei salari commisurandolo al miglioramento della competitività dell’economia e permettendo ai salari di aumentare in linea con la produttività;
– riformare i sussidi alla disoccupazione perché questi non confliggano con l’incentivo a cercare lavoro, mirando il sostegno ai casi più vulnerabili, per rafforzare le politiche attive e contenere l’impatto sulla finanza pubblica delle crescente disoccupazione; il piano di riforma dell’assistenza sociale dovrà essere adottato previo accordo con i partners del programma;
– Attenuare il differenziale di competitività collegando ogni variazione dei minimi salariali alle condizioni dell’economia. Ogni variazione dei minimi salariali dovrà essere concordata con i partners del programma;

Dopo il prelievo sui conti correnti la cura troika è appena agli inizi.

La maggior parte delle pratiche le abbiamo viste attuate in Grecia.  Il meccanismo delle privatizzazioni lo si vede poco, ma è pienamente operante. Ad esempio:

In Italia, dopo la lettera BCE e il golpe silenzioso che ha messo Monti al governo e le sue amorevoli cure, abbiamo conosciuto già diverse delle voci dell’elenco di cui sopra.

Ma non basta.

Nei prossimi mesi avremo altri prelievi: IMU(aumentata), TARES(tarsu aumentata), Aumento IVA, ma non basterà ancora e la strada già segnata è quella di una patrimoniale (oltre quella sulla casa che è l’IMU) sui depositi e un governo che faccia le privatizzazioni. Cioè quello che avrebbe dovuto fare un governo Bersani-Monti, in aggiunta a un controllo fiscale senza precedenti sui conti correnti (fatto) e con il limite del contante (da stringere ulteriormente), se non ci fosse stato l’increscioso risultato elettorale.

Ma perché?

Sono cattivi? stupidi? hanno un secondo fine? o semplicemente è un meccanismo che una volta avviato tende all’autoconservazione e quindi come se avesse vita propria cerca di imporsi su scenari alternativi?

Annunci

One thought on “La cura Troika

  1. Pingback: Ancora sull’europa | VociAlVento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...