Una proposta indecente e di sinistra per Berlusconi e il Pd


Io avrei voluto che una proposta del genere la facesse il M5S, invece che usare il tema del finanziamento pubblico ai partiti. Tema senza dubbio *giusto* ma questo è di ben altra rilevanza. L’ho sperato e sollecitato, per quanto era nelle mie possibilità, dove ho potuto, a lungo. Significava portare nella centralità del dibattito la questione vitale per il paese in questo momento e su questa andare a “spaccare” i partiti di sistema, aggregando se possibile attorno ad una porposta politica “alta”. Se poi questi fossero risultati compatti, risolutamente schierati con l’ortodossia eurista (ma non credo), dal punto di vista della comunicazione politica il cerino sarebbe rimasto in mano a loro. E loro avrebbero dovuto assumersi la responsabilità di tenere il paese nella morsa della trappola dell’euro. Purtroppo per noi, e per il paese, quello che è emerso è stato invece il segno di una miopia politica che non fa ben sperare per il futuro.

Articolo di Sergio Cesaratto su Il Foglio

Al centro del programma di qualunque governo vi dovrebbe essere il portar fuori il paese dall’incubo economico di marca europea in cui è precipitato. Di questo non si parla. E se lo si fa, soprattutto da parte del centrodestra, è attraverso boutade e non godendo di grande credibilità politica interna e internazionale. Mentre il tema dovrebbe essere centrale per il centrosinistra, codardia politica, difetto intellettuale e sottomissione a Napolitano fanno in modo che nulla esso dica, se non di generico, in questa direzione. Il M5s fa ormai rimpiangere i vecchi partiti con le sue idee confuse, l’arroganza degli atteggiamenti, la sua vena antidemocratica. Allora la mia proposta indecente (poiché proviene da un economista di sinistra) è che il Pd accetti un accordo col Pdl su una lista di richieste ultimative da presentare in Europa, le uniche che possono evitare il naufragio completo del paese (e dell’Europa).

Ormai qui il problema non è se il gatto sia nero o bianco, ma ottenere la fine dell’austerità e politiche fiscali e monetarie espansive; riforma della Bce includendo occupazione e crescita fra i suoi obiettivi primari; stabilizzazione dei debiti pubblici in rapporto al pil (e non assurde riduzioni); unione bancaria che includa l’impegno dei paesi forti a sostenere i sistemi bancari deboli. Per essere credibili in Europa, tuttavia, non ci si può esimere anche da riforme interne. E qui servirebbe un sussulto di dignità politica da parte del centrodestra, se ne è capace: lotta dura all’evasione fiscale – il Pdl potrebbe farsi garante di una successiva riduzione del carico fiscale quando le cose andranno meglio; lotta dura alla corruzione e alle mafie; sostegno alle fasce di popolazione in difficoltà con piani straordinari di occupazione pubblica; riforma elettorale, riduzione dei costi della politica e aumento dell’efficienza delle istituzioni; investimenti in istruzione, giustizia e territorio.
Il mio auspicio era che tale programma fosse quello di una coalizione Pd-M5s, ma la sordità di questi ultimi e il poco coraggio di Bersani l’hanno impedito. Se il M5s offrisse il suo apporto critico a tali proposte, esso sarebbe più che benvenuto, ravviverebbe le iniziali speranze che avevamo riposto su di esso. Se lo facesse rapidamente proprio proponendo un governo innovativo ancor meglio. Ma subito, ora, senza finti bizantinismi democratici online.

L’Europa probabilmente ci dirà: bene le vostre riforme, ma su cambiare l’assetto delle politiche europee, nein! E allora? Constatiamo che ormai sulla stampa internazionale della necessità di finirla con quest’Europa che non vuole mutare se ne parla apertamente. Se c’è una cosa di cui Cipro ci dà degli elementi di riflessione, è che le difficoltà tecniche di separarci dall’euro non sono così drammatiche. Si chiudono le banche alcuni giorni, si introducono controlli sui movimenti di capitale, si ridenominano tutti i conti nella nuova moneta (incluso il debito pubblico come la lex monetae consente), si stampigliano le banconote emesse dai bancomat per distinguerle dai vecchi euro ecc. Ci sarà una svalutazione della moneta, e la scommessa – ma non abbiamo alternative – è che questo consenta la ripresa delle esportazioni, e come nel 1992 non dovremmo temere una ripresa dell’inflazione, mentre il risparmio interno ricomincerebbe a essere sufficiente per sostenere il debito pubblico senza dover ricorrere ai mercati finanziari esteri. Con un po’ più di domanda interna l’occupazione riprenderebbe, affidando nell’immediato all’aumento dei redditi delle famiglie piuttosto che ad aumenti dei salari il sostegno dei ceti medio-bassi.

Il vero problema della rottura è politico: l’Europa come istituzione economico-politica va salvaguardata. E poiché il popolo francese non sopporterebbe di veder uscire l’Italia rimanendo dentro la gabbia tedesca, è possibile che una divisione dell’area euro in due sia quella più auspicabile e ci salvaguarderebbe da vendette franco-tedesche. Non è una partita facile, ma per questo paese è questione di vita o di morte. Naturalmente tutto questo non lo si può dire in un programma di governo, ma a buon intenditor poche parole.

di Sergio Cesaratto

P.S. C’è anche un piano C: si rimane nell’euro, ma si passa a un’economia dei controlli: controllo dei movimenti di capitale e delle importazioni. Quest’ultima è necessaria affinché il rilancio della domanda interna non vada a beneficio dei tedeschi accrescendo il nostro debito estero. V’è necessità di nazionalizzare alcune grandi banche perché queste, accedendo alla liquidità della Bce, possano finanziare il debito pubblico a bassi tassi di interesse. In nome dell’emergenza nazionale anche questo si può minacciare. Ma chiariamoci, una rottura concordata è l’obiettivo più plausibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...