Renzinomics


Stavo leggendo l’analisi di Filippo Taddei al programma del guru economico di Renzi: Yoram Gutgeld. Il programma è datato giugno 2013. L’articolo dei primi di luglio. Ora Taddei è il neo responsabile economico del Pd (al posto di Fassina). Quale sarà la posizione del PD, quella di Gutgeld o quella di Taddei?

Ovviamente, non è importante. Perché aldilà delle dichiarazioni di principio non faranno nulla. La loro ricetta resta sostanzialmente la stessa della scuola economica che non solo non ha saputo prevedere la crisi ma che per affrontarla non ha fatto altro che proporre le stesse logiche che l’avevano prodotta.

Cambiano i suonatori, ma la musica resta la stessa.
– Tagliare la spesa pubblica.
– Aggredire l’evasione fiscale.
– Abbassare il costo del lavoro.
Gutgeld dice, con le risorse recuperate dalla lotta all’evasione fiscale tagliamo il costo del lavoro. Taddei gli risponde: ma chi vuoi che ci creda? perdiamo consenso. Prima tagliamo il costo del lavoro con delle patrimoniali e la riorganizzazione (tagli) della spesa e poi attacchiamo l’evasione fiscale.

Se non è zuppa è pan bagnato.
La ricetta, con qualche spolveratina pop(ulista) continua ad essere quella Bocconiana, che ha dominato (vedi )negli ultimi lustri (e da cui Fassina pur balbettando cercava di allontanarsi). Appunto quella che oltre a non saper prevedere la crisi con le sue ricette l’ha aggravata e che è strettamente vincolata alle logiche del debito e dei trattati europei.

Nel prossimo periodo assisteremo ad un fuoco di artificio di proposte la cui popolarità nasconderà la nulla incidenza sulla realtà dell’enorme problema della crisi in questo paese. Un disastro di cui forse pochi si rendono conto delle conseguenze simili a quelle di una guerra.

Renzi fornirà a Letta qualche mese di abbrivio, con la logica delle pastiglie di zucchero al malato terminale.

Nel mentre dovranno continuare a reperire risorse per sostenere i loro impegni sul debito, vincolati dai trattati che difendono a spada tratta, si tratterà di mere operazioni di cosmesi. Continueranno a tagliare welfare, a tassare. E nell’ambito della riorganizzazione della spesa, inizieranno i tagli al personale della pubblica amministrazione. Il lavoro sporco lo ha fatto Monti. Letta deve solo applicare la sua ricetta e tenere in piedi il sistema.

Per farlo, Renzi-Letta sotto la supervisione di Napolitano, si esibiranno nel non inedito ruolo di “populista di governo”, che fu di Berlusconi, allo scopo di svuotare il pericolo Grillo.

Nella logica della politica spettacolo ad personam la classe digerente del PD continua a non rendersi conto che personalistà pur carismatiche (come grillo o berlusconi) non hanno consenso solo perché bravi a controllare i meccanismi dei media nella società dello spettacolo. Ma soprattutto perché svolgono una funzione catartica dello spirito del tempo, incarnando il sentire diffuso di parte del paese.  E così, se impastoiano Grillo nelle sabbie mobili di camera e senato, ecco che esce il movimento novedicembre.  E quando disinnescheranno questo, tempo qualche mese ne la rabbia popolare prenderà altre forme.

Intanto questo “rinnovo” gli consente di prendere tempo e continuare a buttare fumo negli occhi. Chiamano qualunquisti quelli che gli dicono che sono tutti uguali e che se ne devono andare tutti. Si offendono: non siamo tutti uguali, dicono nei talkshow.

Sai che c’è. Se cammina come una papera. Ha il becco come una papera. Fa quaqua come una papera.

E’ una papera.

Annunci

2 thoughts on “Renzinomics

  1. Ciao, io volevo incentrare l’attenzione su di un articolo del quale ti passo uno stralcio a proposito sella sentenza della consulta che di fatto boccia la legge elettorale 270 del 2005..
    Di seguito….. Pietro Alberto Capotosti, Professore emerito di Diritto costituzionale presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, vice Presidente del CSM e Presidente, ora emerito, della stessa Corte Costituzionale nel 2005 ha dichiarato:

    “Così il Parlamento è esautorato, non potrà più fare niente”
    “Il problema è serio”.

    L’opinione di un ex-membro della Consulta prevede che si attendano le motivazioni:
    “Per ora nessuno andrà a casa, perché la sentenza entrerà in vigore quando sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, presumibilmente verso la fine di gennaio.
    Ma il giorno dopo, i deputati che sono stati eletti grazie al premio di maggioranza diventano illegittimi”.
    Ora io non so se questa tesi sia veritiera o meno, però da quello che si evince e mi sembra anche chiaramente qua se Napolitano e co non si inventano qualche escamotage come solo loro sanno fare, si rischia la delegittimazione di un bel pò di cose, tra trattati, leggi, patti di stabilità per non dire la stessa elezione del presidente! Forse sono fuori tema, ma se puoi dirmi la tua a proposito ne sarei contento…invito che è ovviamente aperto a tutti…
    grazie

    • Avevo letto questa intervista. Anche altri esperti costituzionalisti sono dello stesso avviso. Ma si tratta di interpretazioni e non credo esista la volontà politica di abbracciare questa logica. Addirittura c’è chi ipotizza che l’uomo di Napolitano (Amato) alla Corte Costituzionale sia servito proprio ad invalidare il porcellum e costringere in questo modo il parlamento a fare la nuova legge elettorale senza la quale non si potrebbe andare a votare e quindi bloccare la legislatura per almeno un altro anno, escludendo che si possano fare nuove elezioni durante il semestre di presidenza della UE.
      Insomma io non credo che la Corte forzerà la sentenza in quel senso e nemmeno che l’interpretazione sucessiva sarà quella.
      D’altro canto questo a cascata invaliderebbe tutti gli atti compiuti, leggi comprese. Non è obiettivamente pensabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...